FONDO PERDUTO PER P.IVA E IMPRESE. 60% DI CHE? CROLLO ECONOMICO VERTICALE.

  Redazione, 26 marzo 2021. Si riferisce, con esultanza, del Decreto che prevede un ristoro pari al 60% a fondo perduto. Ma...

FONDO PERDUTO PER P.IVA E IMPRESE. 60% DI CHE? CROLLO ECONOMICO VERTICALE.

Un`aliquota, in apparenza, così grassa induce all`ottimismo e scalda gli animi di tutti quelli che, per pura sfiga, sono stati travolti dai provvedimenti Covid. Proibito lavorare! Per legge.

Dona pace alle coscienze degli altri, iper protetti, che non ci hanno rimesso neanche un soldo e che, magari, sono anche rimasti a casa, o nella seconda casa, a `lavorare` da remoto.

Ma, è necessario prendere la penna, la calcolatrice, vedere i dati necessari e fare i calcoli.

Emerge che, in verità, il 60% non è il 60% che l`immaginario collettivo si sta bevendo.

Per dire:

una società che avesse fatturato 80.000,00€ nel 2019 e 10.000,00€ nel 2020 (quindi, praticamente moribonda per effetto dei provvedimenti Covid) dovrebbe calcolare il differenziale della media mensile dei ricavi 2020 rispetto al 2019.

A questo differenziale si applica l`aliquota del 60% fino ad un fatturato massimo di 100.000,00€.

L`aliquota crolla al salire del volume dei ricavi fino al 20%.

Nel caso di cui sopra: il 60% del differenziale è pari a 3499,80€ che, rapportato al ricavo/anno del 2019 è pari al 3,49%.

Per fugare ogni dubbio, si può leggere e verificare sul sito dell`AGENZIA DELLE ENTRATE.

Contributo a fondo perduto. Decreto Sostegni

Il bonus contributo a fondo perduto previsto dal decreto “Sostegni” (Dl n. 41 del 22 marzo 2021), consiste nell’erogazione, da parte dall’Agenzia delle entrate, di una somma di denaro o, a scelta irrevocabile del contribuente, di utilizzare l’intero importo come credito d’imposta, a favore di tutti i soggetti che svolgono attività d’impresa, arte o professione e di reddito agrario, titolari di partita IVA residenti o stabiliti nel territorio dello Stato. L’ammontare del contributo a fondo perduto è determinato applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019.