ifanews

18. ottobre 2018

Ultimo aggiornamento11:23:59 AM GMT

Sei qui: Società quotate e PMI PMI e dintorni Un'impresa su cinque licenzia per ritardi nei pagamenti
Banner

Un'impresa su cinque licenzia per ritardi nei pagamenti

E-mail Stampa PDF

di Stefania Bernardini

altIn Italia un’azienda su cinque è stata costretta a licenziare a causa degli effetti negativi dovuti ai ritardi nei pagamenti. La Cgia di Mestre ha elaborato i dati relativi a un’indagine effettuata nei primi tre mesi del 2014.

Il Bel Paese continua a essere il peggiore d’Europa. Mediamente la Pubblica amministrazione paga le imprese dopo 165 giorni, 107 in più rispetto alla media dell’Unione europea. E la situazione non migliora nei rapporti commerciali tra aziende. Prima che il committente saldi il fornitore passano 94 giorni, 47 in più rispetto alla media europea. Nei rapporti tra privati e imprese invece sono necessati 74 giorni per essere pagati definitivamente e anche in questo caso la media Ue è superata con 47 giorni in più.

Giuseppe Bortolussi, segretario Cgia all’Ansa segnala: “E’ drammatico che in l'Italia, con un tasso di disoccupazione che ormai galoppa verso il 13%, molte aziende siano costrette ad espellere una parte del personale perché non vengono pagate con regolarità".

Bortolussi aggiunge: "Le lungaggini burocratiche, il cattivo funzionamento degli uffici pubblici, i vincoli economici legati al Patto di stabilità interno, l'abuso di posizione dominante del committente e la mancanza di liquidità sono alcune delle motivazioni che consegnano al nostro Paese la maglia nera nella correttezza dei pagamenti. Nonostante dall'1 gennaio 2013 la legge stabilisca che il Pubblico deve pagare entro 30/60 giorni, mentre i privati tra i 60/90 giorni, queste disposizioni continuano a essere palesemente inapplicate, con ricadute molto pesanti soprattutto per le piccole imprese che dispongono di un potere contrattuale molto limitato". 

La Cgia ricorda che in attesa di conoscere l'effettivo stock di debiti accumulati dalla nostra Pa nei confronti delle imprese private, nel biennio 2013-2014 sono stati stanziati 47 miliardi di euro.

Fino a oggi sono stati pagati circa 23,5 miliardi di euro, mentre il Ministero dell'Economia ha annunciato nei giorni scorsi l'avvio di una procedura di erogazione di un'altra tranche per gli Enti locali pari a 1,8 miliardi. Il Governo Renzi ha pianificato per l'anno in corso un intervento pari a 13 miliardi di euro, anche se secondo la Relazione tecnica ne potranno essere pagati nel 2014 solo 5.

Add comment

“Il sito opera un refresh automatico della pagina ogni 5 minuti. Al fine di non perdere il proprio commento, Ifanews consiglia di scriverlo preventivamente su foglio di lavoro e di incollarlo successivamente una volta completato”


Security code
Refresh