ifanews

24. giugno 2018

Ultimo aggiornamento11:23:59 AM GMT

Sei qui: Società quotate e PMI PMI e dintorni FEDERFIDI Lombarda: in due anni finanziate 941 start up grazie ai Confidi con i fondi FEI (Fondo Europeo Investimenti) per la Competitività e l’Innovazione
Banner

FEDERFIDI Lombarda: in due anni finanziate 941 start up grazie ai Confidi con i fondi FEI (Fondo Europeo Investimenti) per la Competitività e l’Innovazione

E-mail Stampa PDF

altOltre 600 milioni di euro di finanziamenti erogati alle Piccole e Medie Imprese lombarde in circa 2 anni, 941 start up finanziate: questi i principali risultati dell’accordo biennale siglato nel Luglio 2012 da FEDERFIDI Lombarda (Consorzio Regionale di garanzia fidi di secondo livello) e FEI (Fondo Europeo Investimenti) nell’ambito del Programma per la Competitività e l’Innovazione (CIP) della Commissione Europea.

L’accordo, finalizzato a facilitare l’accesso al credito alle PMI lombarde, ha permesso infatti l’erogazione di finanziamenti a 9.800 imprese per circa 600 milioni di euro, a fronte dell’attivazione di 280 milioni di controgaranzie. Il progetto è stato realizzato grazie al contributo di un fondo di garanzia di 13 milioni di euro, di cui circa 5 della Commissione Europea, 5 del Sistema Camerale lombardo e per la quota rimanente di Federfidi, derivanti in parte da risorse di Regione Lombardia. Per ogni euro stanziato da Federfidi, con risorse proprie, camerali, regionali ed europee, sono stati attivati 46 euro di finanziamento alle imprese.

Il 50% dei finanziamenti sono stati finalizzati a liquidità, il 43,5% a investimenti e il rimanente 6,5% ha sostenuto l’avvio dell’attività di ben 941 start up, prevalentemente appartenenti ai settori di servizi alloggio e ristorazione, commercio, attività manifatturiere e di servizi, e per il 51% collocate nelle province di Milano, Varese e Brescia. In particolare, per le start up con finanziamenti fino a 40.000 euro, il sistema camerale ha richiesto venisse concessa la garanzia del Confidi in misura fissa pari all’80%.

“I risultati degli ultimi bilanci” afferma Gino Soana, Presidente del Consiglio di Amministrazione di FEDERFIDI Lombarda “ma ancor più quelli del primo semestre 2014 con oltre 7 milioni di euro di utile, dimostrano una grande capacità di gestione delle risorse pubbliche che, tramite i Confidi, supportano decine di migliaia di imprese ogni anno. Gli utili conseguiti derivano da un’oculata ma sempre prudente gestione della finanza aziendale e, cosa di cui vado ancora più orgoglioso, da una costante e impegnativa riduzione dei costi di gestione”.

Relativamente a questo progetto, il 97% delle imprese garantite registra meno di 10 addetti e il 71% delle pratiche si riferisce a finanziamenti entro i 50.000 euro. Il maggior numero di operazioni è stato attivato nelle province di Brescia (21%), Milano (19%), Bergamo (13), Varese (12%) e Sondrio (9,1%) per imprese beneficiarie appartenenti prevalentemente ai settori del commercio (29%), manifatturiero (22%), costruzioni (16%), attività di alloggio e ristorazione (13%).

I Confidi coinvolti sono 19, anche se l’84% delle pratiche è stata veicolata da 6 Confidi. In linea con il portafoglio complessivo dei Confidi Lombardi, oltre il 30% dei finanziamenti è transitato tramite le banche del Gruppo UBI, seguite dalle BCC e da Banca Popolare di Sondrio (12-13%), e, sotto il 10%, da Intesa Sanpaolo, Gruppo Banco Popolare e altre banche a seguire.

Al 31 Agosto 2014, su 246 milioni di controgaranzie nominali erogate da Federfidi per questo progetto, a parziale copertura dei rischi assunti dai Confidi, si registrano 3 milioni di posizioni “deteriorate” pari all’1,23%.
Il maggior tasso di insolvenza si registra sulla liquidità (4,05%), mentre resta contenuta per gli investimenti (0,71%) e per le start up (0,38%). 

Add comment

“Il sito opera un refresh automatico della pagina ogni 5 minuti. Al fine di non perdere il proprio commento, Ifanews consiglia di scriverlo preventivamente su foglio di lavoro e di incollarlo successivamente una volta completato”


Security code
Refresh