ifanews

17. giugno 2019

Ultimo aggiornamento11:23:59 AM GMT

Sei qui: Società quotate e PMI PMI e dintorni
Banner

PMI e dintorni

Internazionalizzazione e coperture fideiussorie: le soluzioni di Aon per le imprese

E-mail Stampa PDF

Internazionalizzazione e coperture fideiussorie: le soluzioni di Aon per le imprese

-Il mondo assicurativo costituisce sempre più un valido interlocutore per le coperture fideiussorie in Italia e all'Estero;
- Aon, potendo contare su un potente network internazionale e su una struttura dedicata alla gestione dei rischi surety per le aziende italiane che desiderano lavorare all'estero, è in grado di fornire le migliori condizioni di mercato ed una consulenza piena ed indipendente per tutte le esigenze fideiussorie dei propri gruppi clienti;


Il fenomeno del Credit Crunch è tristemente noto in questi ultimi tempi. In misura sempre maggiore, realtà imprenditoriali (anche di dimensioni rilevanti) stanno riscontrando crescenti difficoltà ad accedere a crediti di firma, fondamentali per la propria attività; la stretta creditizia che affligge le nostre imprese rende quindi necessario il ricorso da parte delle aziende a garanzie e a sondare il mercato assicurativo nazionale ed internazionale per l'acquisto di capacità finanziaria per l'emissione di coperture fideiussorie.
Il sistema creditizio non può più essere l'unico interlocutore in grado di fornire soluzioni a 360 gradi al mondo imprenditoriale. Recentemente, infatti, il mondo assicurativo sta conquistando una posizione più forte come possibile partner per le aziende, in relazione a tutte le esigenze fideiussorie emergenti da rapporti nazionali ed internazionali. E' ipotizzabile che questo business cresca in maniera significativa nei prossimi anni, anche alla luce di Basilea 3, che prevedrà una ponderazione dei crediti di firma più stringente nei bilanci degli Istituti di Credito rispetto a quanto stabilito da Basilea 2, con conseguente riduzione della capacità finanziaria allocabile per questa tipologia di specifiche esigenze.
In questo contesto Aon è il primo broker in Italia a strutturarsi con una rete di persone altamente qualificate. Il team della Specialty Bonds è composto da 25 professionisti dislocati sul territorio in 6 hub (Milano, Vicenza, Pordenone, Torino, Genova, Roma). Il Broker inoltre può contare sui suoi contatti con i principali mercati assicurativi internazionali e sulle importanti relazioni che l'Aon Global Surety Network, il potente network internazionale della società relativo a questo ramo assicurativo, può vantare rispetto ai mercati surety internazionali. La combinazione di questi due aspetti permette di fornire al cliente un servizio efficiente e flessibile, inclusa la gestione completa degli affidamenti e dei contratti in corso. I clienti possono inoltre
contare sull’expertise dei professionisti che fanno parte del network e che Aon può vantare localmente. Il ricorso ai mercati assicurativi internazionali per l'emissione di bond è un fenomeno in crescita esponenziale: in particolare, le richieste di verifica di piazzamento all'estero sono aumentate notevolmente; si stima che nell'ultimo anno le richieste siano addirittura decuplicate. Stati Uniti, Namibia, Polonia, Canada e Stati Uniti, sono solo alcune delle nazioni dove sono state concluse operazioni di piazzamento di garanzie per un valore di premi di circa 15 milioni di dollari per progetti molto importanti e cruciali per i paesi di destinazione.
Aon si presenta quindi come un partner di assoluto rilievo per tutte quelle imprese che decidono di puntare sull'internazionalizzazione. Se infatti il contesto globale in cui viviamo presenta moltissime opportunità per le aziende italiane, è necessario mitigare adeguatamente i rischi che ne conseguono per entrare con successo in nuovi mercati.

“Aon S.p.A. punta alla diffusione di servizi ad alto valore aggiunto tra i quali la bondistica internazionale” dichiara Uberto Ventura, Amministratore Delegato di Aon S.p.A., “In questo modo Aon S.p.A. si candida ad assistere i propri clienti nel reperimento di garanzie alternative al sistema bancario. La crescente competitività del settore assicurativo in questo ambito e la preparazione e l’esperienza nazionale ed internazionale delle nostre risorse fanno di questa attività un fiore all’occhiello.”

Sono tre le principali aree di intervento strategico per individuare le migliori soluzioni in caso di esigenze di questa fattispecie: i grandi mercati Surety internazionali, i mercati Surety locali e SACE SpA, nostra ECA.
I mercati Surety internazionali sono gli unici che possono emettere affidamenti cospicui da utilizzarsi in tutte le aree economicamente sviluppate nel raggio d'azione delle Surety.
La seconda area di intervento permette, grazie ai colleghi dell'Aon Global Surety Network, di accedere ai mercati locali per la ricerca di capacità da utilizzarsi localmente.
Infine, in virtù dell'accordo siglato con SACE S.p.A. con particolare focus sulle PMI, vengono supportate anche le aziende di piccole dimensioni.
Il cliente di Aon - grande, media o piccola impresa - viene assistito dall' analisi dei rischi e determinazione delle esigenze del cliente alla negoziazione del programma assicurativo con il mercato per garantire i termini più competitivi. Viene garantita inoltre completa assistenza al cliente per quanto riguarda la consulenza precontrattuale (sia sui contratti sia sui wording di garanzie) in fase di negoziazione con i clienti al fine di superare ab origine eventuali ostacoli che potrebbero nascere nella fase di due diligence per l'underwriting dei rischi. In Aggiunta viene assicurato un completo supporto per tutto il ciclo di vita delle garanzie sino alla fase di svincolo delle stesse.

Al via il fondo Housing sociale Liguria Promosso da Fondazione Carispezia

E-mail Stampa PDF

IDeA FIMIT selezionata per la gestione

 

Prende forma il primo Fondo immobiliare di Housing Sociale operante nella Regione Liguria, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia che ha destinato a tale iniziativa 10 milioni di €.
IDeA FIMIT Società di Gestione del Risparmio si è aggiudicata la selezione indetta da Fondazione Carispezia per individuare una SGR interessata a promuovere e gestire un Fondo immobiliare di edilizia privata sociale che presentasse caratteristiche compatibili con i criteri di investimento del Fondo Investimenti per l’Abitare, gestito da Cassa Depositi e Prestiti Investimenti SGR.
IDeA FIMIT SGR è leader del mercato italiano con i suoi 32 Fondi gestiti, per oltre 10 miliardi di patrimonio. La Società, controllata dal Gruppo De Agostini (64%) e partecipata dall’INPS (30%), si è impegnata a promuovere e gestire il Fondo, investendovi direttamente 3 milioni di € di risorse proprie. Nella strutturazione del Fondo IDeA FIMIT è assistita da CBA Studio Legale e Tributario.
Il protrarsi della congiuntura economica sfavorevole ha provocato, soprattutto in Liguria, una crescente difficoltà ad accedere al mercato residenziale e ha spinto la Fondazione Carispezia a promuovere la costituzione del nuovo Fondo. In Liguria, infatti, si registra un livello dei prezzi di mercato delle abitazioni ben superiore alla media nazionale, mentre la spesa per l’abitazione pesa per il 34% sulla spesa totale delle famiglie, valore anche questo ampiamente superiore alla media nazionale (28,9%).
È stata quindi avviata l’istituzione del Fondo, denominato “Fondo Housing Sociale Liguria”, la cui piena operatività è prevista per i primi mesi del 2014, ed è stata già ottenuta la delibera preliminare di investimento da parte di CDPI SGR, molto interessata
all’attivazione di una piattaforma regionale dedicata all’housing sociale.
Il “Fondo Housing Sociale Liguria” punta a una dimensione obiettivo di 100 milioni di € da raggiungere nel corso dei prossimi anni.
È questo il risultato di oltre tre anni di impegno che ha visto la Fondazione Carispezia, con il supporto della Fondazione Housing Sociale, quale protagonista della costituzione del Fondo che, a partire dalla provincia di La Spezia, estenderà il proprio ambito di
intervento a tutto il territorio ligure, con l’obiettivo di attrarre ulteriori investitori, in primis le altre fondazioni di origine bancaria attive nella regione.

Fonte: Comuncato Stampa IDeA FIMIT SGR, Roma 4 dicembre.

Per ulteriori informazioni:
Fondazione Carispezia: Alice Ambrosi; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Tel. 0187 772331 / 348 4982457
IDeA FIMIT: Marco Scopigno; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Tel. +39 06 68163206 / 348 0173826

Comunicato Stampa MC Capital – Dicembre 2013

E-mail Stampa PDF

MC Capital Ltd, boutique finanziaria di Londra autorizzata dalla Financial Conduct Authority del Regno Unito e presente in Italia con una succursale a Prato e agenzie di promotori finanziari a Milano, Torino, Roma e Reggio Calabria.


Il gruppo si è appena arricchito di un nuovo promotore finanziario in Emilia Romagna, Pasquale Paludi ex promotore di Valori e Finanza SIM.
In Italia MC Capital è soggetta alla vigilanza di Consob ed è iscritta all'albo Consob delle imprese di investimento comunitarie con succursale.


MC Capital Ltd offre servizi di gestione di portafoglio e consulenza finanziaria a clienti privati e istituzionali. I clienti di MC Capital possono beneficiare degli accordi commerciali competitivi che MC Capital ha negoziato con importanti istituti bancari italiani ed internazionali. Inoltre, MC Capital mette a disposizione dei propri clienti una piattaforma per acquistare quote di Fondi di Investimento delle Sicav con cui ha siglato accordi di distribuzione. Attraverso delle società partner MC Capital offre anche una gamma completa di servizi assicurativi per far fronte alle esigenze di pianificazione finanziaria e successoria dei propri clienti.

www.mccapital.it

Fonte: Comunicato Stampa Mc capital

Il Risk Management nelle Aziende Italiane

E-mail Stampa PDF

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa relativo ai risultati della Survey condotta da Aon - leader mondiale nel brokeraggio assicurativo - in partnership con ANDAF - Associazione Nazionale Direttori Amministrativi e Finanziari – sul livello di cultura e formazione aziendale tra le imprese italiane in tema di Risk Management .

I risultati della Survey, qui allegati assieme al comunicato, dimostrano come tra le aziende sia ancora molta la strada da percorrere per raggiungere un’opportuna implementazione di strategie e processi di Risk Management. (Piero Loredan)

 

I mercati salgono senza pause, l'economia reale no

E-mail Stampa PDF

Riceviamo interessante analisi effettuata da Gian Luca Bocchi e volentieri pubblichiamo dal momento che potrebbe destare il vostro interesse.

Pagina 5 di 212