ifanews

12. dicembre 2018

Ultimo aggiornamento11:23:59 AM GMT

Sei qui: Società quotate e PMI PMI e dintorni
Banner

PMI e dintorni

Latham & Watkins lancia la versione per Android dell'APP dedicata a M&A e private equity

E-mail Stampa PDF

Latham & Watkins lancia la versione per Android dell'APP dedicata a M&A e private equity

Credem, il Cda ha approvato i risultati al 30 settembre 2013

E-mail Stampa PDF

Credem, il Cda ha approvato i risultati al 30 settembre 2013: Utile +11,2% A/A, Core Tier 1 al 10%

Jp Morgan: patteggiamento da 13 mld per la crisi dei mutui

E-mail Stampa PDF

Jp Morgan pur di archiviare le accuse secondo cui la banca avrebbe dato informazioni del tutto fuorvianti ai colossi dei mutui Mae e Freddie Mac, sarebbe disposta a sborsare ben 13 miliardi.

L’accordo raggiunto nel mese di ottobre 2013 se dovesse essere confermato rappresenterebbe il patteggiamento più elevato mai firmato tra il governo americano ed una società privata.

L’intesa era stata discussa, nel corso di una serie di telefonate, da Eric Holder, ministro della Giustizia americano, da Jamie Dimon, l’amministratore delegato della banca, alla trattativa hanno preso parte anche il vice di Holder, Tony West, e il consigliere generale della banca, Stephen Cutler.

Come verranno ripartiti i soldi dati a risarcimento? Dei quattro miliardi destinati a questa voce, 1,5-1,7 mld serviranno ad aiutare e a risarcire le persone coinvolte che hanno tentando di abbassare i tassi del proprio mutuo e che invece si sono ritrovati con mutui che hanno in molti casi superato il valore delle loro abitazioni.

Altri 300-500 milioni dovrebbero essere usati sotto forma di aiuti per diminuire i tassi dei consumatori, e la metà restante dei 4 mld potrebbero essere utilizzati per altri aiuti come ridurre gli interessi sui prestiti già in atto.

I restanti nove miliardi di dollari serviranno invece a Jp Morgan per pagare  invece le multe imposte dal governo americano.

 

Rothschild & Cie Gestion arriva in Italia

E-mail Stampa PDF

Rothschild & Cie Gestion arriva in Italia

Alessio Coppola alla guida della nuova branch a Milano

Milano, 15 novembre 2013 Rothschild & Cie Gestion, la società - basata a Parigi - del Gruppo francese Rothschild dedicata alla attività di asset management e alla consulenza per investitori istituzionali e intermediari finanziari, sbarca a Milano con i nuovi uffici in via Santa Radegonda 8 dove ha sede anche Rothschild Global Financial Advisory, che svolge attività di advisory finanziario in Italia da vent'anni. Sarà Alessio Coppola, nominato Country Manager per l’Italia, a curare l’ingresso e lo sviluppo del business nel nostro Paese.

Alessio Coppola, 36 anni, approda in Rothschild & Cie Gestion dopo un importante percorso nell’industria dell’asset management, iniziato in Société Générale Asset Management come responsabile della distribuzione sia per il business retail che per il wholesale e proseguito in Prima SGR dove si è occupato dello sviluppo marketing e vendite. Dopo la fusione di Prima SGR con Anima a fine 2011, Coppola ha guidato dal gennaio 2012 lo sviluppo del business wholesale di Anima SGR, uno dei più grandi asset manager in Italia.

Obiettivo di Rothschild & Cie Gestion, con asset in gestione per circa 22 miliardi di euro, è sviluppare il business dell’asset management attraverso relazioni di lungo periodo con i propri clienti contando su una gamma di fondi comuni di investimento (azionari, obbligazionari corporatearea euro, bilanciati e flessibili globali) di estrema qualità e sull’offerta di soluzioni di investimento dedicate. Il successo dei prodotti di Rothschild & Cie Gestion, pluripremiati da autorevoli società di analisi quali Lipper e Morningstar ed ai primi posti delle classifiche europee, grazie alle ottime performance registrate nel tempo, è frutto delle scelte attive di portafoglio coerenti con la filosofia d’investimento high conviction del team di gestione altamente qualificato – 40 tra fund manager, analisti ed economisti – e di lunga esperienza.

Puntiamo a differenziarci grazie al nostro stile di gestione e a un’offerta di elevata qualità che ci ha permesso di raggiungere i primi posti nel mercato istituzionale e retail in Francia e confidiamo possa essere apprezzato anche nel mercato italiano”, ha dichiarato Alessio Coppola, Country Manager per l’Italia di Rothschild & Cie Gestion. “Gli investitori istituzionali e la clientela privata, sono sempre più interessati ad individuare gestori professionali in grado di creare valore attraverso scelte attive di portafoglio, motivate da capacità ed esperienza: il nostro obiettivo è quello di mettere a disposizione dei nostri clienti la stessa professionalità e serietà che hanno contraddistinto le attività sui mercati finanziari internazionali dei Rothschild per oltre 250 anni e che ancora oggi sono alla base del nostro business. Vogliamo far conoscere il nostro brand e i nostrifondi agli investitori italiani e puntiamo a costruire un team dedicato tutto italiano nei prossimi mesi”.

Rothschild & Cie Gestion

Rothschild & Cie Gestion è la società del Gruppo Rothschild - gruppo familiare indipendente con un network finanziario globale, 40 uffici in tutto il mondo e quasi 3mila dipendenti - focalizzata sull’asset management sia attraverso l’attività di gestione diretta che con servizi di consulenza ad investitori istituzionali, intermediari finanziari e clientela privata in tutto il mondo. Rothschild & Cie Gestion, basata a Parigi, offre una gamma completa di fondi azionari, obbligazionari, convertibili e bilanciati/flessibili con una importante expertise della Zona Euro ma anche soluzioni di investimento multimanager in tutte le classi d’attivo. Ad oggi il totale degli asset in gestione ammonta a circa 22 miliardi di euro. Rothschild & Cie Gestion è risultata la ‘Migliore Società di gestione Francese’ e la ‘Migliore Società azionaria’ ai recenti ‘Corbeilles Mieux Vivre Votre Argent 2013’ grazie a nove fondi con il rating più elevato nelle rispettive categorie.

 

Per ulteriori informazioni:

Image Building

Cristina Fossati, Luisella Murtas, Federica Corbeddu

Tel. +39 02 89 011 300

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Fonte: Cominicato Stampa Rothschild

 

IGD Siiq SpA - Resoconto Intermedio di Gestione 30-09-2013

E-mail Stampa PDF

 

   IGD SIIQ SPA: Il consiglio di amministrazione approva il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2013.

Risultati nei primi 9 mesi del 2013:

  1.  Ricavi gestionali consolidati: 90,5 milioni di euro (92 milioni di euro al 30 settembre 2012)
  2.  Margine Operativo Lordo (EBITDA) della gestione caratteristica: 62,3 milioni di euro (64,6 milioni di euro nei primi nove mesi del 2012)
  3. Utile Netto del Gruppo: 11 milioni di euro; la variazione rispetto al 30 settembre 2012 (16,1 milioni di euro) influenzata soprattutto dalla diversa dinamica del fair value immobiliare
  4. Funds from Operations (FFO): 26 milioni di euro; sostanzialmente stabile rispetto al 30 settembre 2012 (27 milioni di euro)Posizione
  5. Finanziaria Netta: stabile a 1, 086 miliardi di euro (rispetto a 1,086 miliardi di euro al 30 giugno 2013); “gearing ratio” pari a 1,37, in miglioramento rispetto al 30 giugno 2013 (1,38)

 

Bologna, 7 novembre 2013.  Il Consiglio di Amministrazione di IGD - Immobiliare Grande Distribuzione SIIQ S.p.A. (“IGD” o la “Società”), quotata sul segmento STAR di Borsa Italiana, riunitosi in data odierna sotto la Presidenza di Gilberto Coffari, ha esaminato e approvato il Resoconto Intermedio di Gestione Consolidato al 30 settembre 2013.

“In un contesto macroeconomico complesso e caratterizzato dal permanere di una generale situazione di crisi e da consumi ancora in contrazione, il Gruppo IGD è riuscito a registrare una sostanziale tenuta dei fondamentali economici e finanziari, mostrando una generazione di cassa dall’attività caratteristica in flessione contenuta sull’anno precedente. Nei prossimi mesi ci focalizzeremo sulla sostenibilità dei tenant, sullo sviluppo degli investimenti già in portafoglio mantenendo sotto controllo la gestione finanziaria.” ha dichiarato Claudio Albertini, Amministratore Delegato di IGD – Immobiliare Grande Distribuzione SIIQ S.p.A.

Principali Risultati Consolidati al 30 settembre 2013

Al 30 settembre 2013, il Gruppo IGD ha realizzato Ricavi gestionali consolidati pari a 90,5 milioni di euro, in leggera flessione (-1,8%) rispetto ai 92,2 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente. Per quanto riguarda i ricavi da attività locativa al 30 settembre 2013 è stata registrata una flessione dell’1,7% rispetto allo stesso periodo del 2012. In Italia (-1,3% a periodo omogeneo) si conferma positivo l’andamento degli ipermercati (+2,5 %, per indicizzazione oltre che per progressiva andata a regime dei canoni sugli ipermercati di recente apertura), mentre si è verificata una flessione sulle gallerie (-3,5%) determinata anche da un incremento della vacancy; in alcuni casi la vacancy è strumentale alle nuove aperture previste entro la fine del 2013. Da segnalare che il tasso di occupancy in Italia rimane comunque elevato, pari al 96,6%. In Romania, invece, la contrazione dei ricavi (-6,2%) è dovuta in parte a una maggiore vacancy (sia strumentale per lavori sia per allungamento dei tempi di turnover) in parte alle deteriorate condizioni del mercato che hanno portato a una riduzione dei canoni.

I ricavi da attività da servizi ammontano a 3,8 milioni di euro, in flessione (-4,3%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, principalmente per la scadenza di due mandati di gestione.

Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) della gestione caratteristica del Gruppo IGD al 30 settembre 2013 è pari a 62,3 milioni di euro, rispetto ai 64,6 milioni di euro registrati al 30 settembre 2012. Su questo dato hanno influito il calo dei ricavi, l’aggravio della componente fiscale diretta (IMU) e l’incremento dei costi per  spese condominiali, conseguenza della maggiore vacancy media nel periodo. I costi diretti della gestione caratteristica, comprensivi dei costi del personale, ammontano a 21 milioni di Euro, in crescita del 3,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’incidenza di tali costi sui ricavi è pari al 23,7%. Le spese generali della gestione caratteristica (comprensive dei costi del personale di sede) ammontano a 6,7 milioni di euro, in flessione dell’1,5% rispetto ai 6,8 milioni di euro nei primi nove mesi del 2012. L’incidenza delle spese generali sui ricavi della gestione caratteristica, che risulta pari al 7,4%, è stabile rispetto all’anno precedente.

Per effetto di queste variazioni l’Ebitda Margin della gestione caratteristica pari al 68,9%, è risultato in calo rispetto al 70,1% al 30 settembre 2012.

Il Risultato Operativo (EBIT) del Gruppo IGD al 30 settembre 2013 si è attestato a 43,4 milioni di euro, rispetto ai 51,2 milioni di euro registrati al 30 settembre 2012, a causa anche della diversa dinamica del fair value immobiliare e della diminuzione dell’Ebitda

Nel corso dei primi nove mesi del 2013 si è registrato un miglioramento della gestione finanziaria (-3,0%), passata da 35,8 milioni di euro al 30 settembre 2012 a 34,7 milioni alla fine di settembre dell’esercizio corrente, determinando una diminuzione del costo medio del debito.

Sempre al 30 settembre 2013, il carico fiscale, corrente e differito, è pari a positivi 2,5 milioni di euro a causa degli adeguamenti del fair value degli immobili.

L’Utile Netto del Gruppo al 30 settembre 2013 risulta quindi pari a 11 milioni di euro, mentre nei primi nove mesi del 2012 si era attestato 16,1 milioni di euro.

Il Funds From Operations (FFO), che misura i flussi generati dalla gestione ricorrente, passa da 27 milioni di euro al 30 settembre 2012 a circa 26 milioni di euro al 30 settembre 2013.

Alla chiusura dei primi nove mesi del 2013 il gearing ratio è pari a 1,37 (in miglioramento rispetto a un valore pari a 1,38 al 30 giugno 2013).

La Posizione Finanziaria Netta del Gruppo IGD al 30 settembre 2013 è pari a 1,086 miliardi di euro, in linea rispetto al 30 giugno 2013 (1,086 miliardi di euro).

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, dottoressa Grazia Margherita Piolanti, dichiara ai sensi dell’articolo 154–bis, comma 2, del D. Lgs. n. 58/1998 (“Testo Unico della Finanza”) che l’informativa contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

Si evidenzia inoltre che nel presente comunicato, in aggiunta agli indicatori finanziari convenzionali previsti dagli IFRS, sono presentati alcuni indicatori alternativi di performance (ad esempio EBITDA) al fine di consentire una migliore valutazione dell’andamento della gestione economico-finanziaria. Tali indicatori sono calcolati secondo le usuali prassi di mercato. 

Il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2013 sarà messo a disposizione di chiunque ne faccia richiesta presso la sede sociale e sarà inoltre consultabile nella sezione “Investitori” del sito internet della Società www.gruppoigd.it nei termini di legge.

Fonte: Comunciato Stampa IGD Siiq SpA

Pagina 7 di 212