La Sec ha proposto un emendamento alla regolamentazione della performance fee nel servizio di consulenza. La regola base è il divieto di applicare performance fee al servizio di consulenza.

Quindi il consulente deve essere remunerato non in base ai risultati che il cliente ottiene dai consigli ricevuti, ma in modo indipendente dalla bontà delle raccomandazioni elargite. E’ una regola quasi europea, dove i professionisti (avvocati, medici, commercialisti, etc.) insistono per basare la loro remunerazione sul servizio prestato e non sui risultati (in breve l’avvocato si paga anche quando si perde la causa).