Analisi mercato ETP nel mese di giugno

Stampa

altSecondo l’analisi dell’ETP Research team di BlackRock nel mese di giugno, i flussi degli ETP a livello globale da inizio anno superano il ritmo di crescita del 2013. I flussi degli ETP globali da inizio anno per 123,9 miliardi di dollari sono aumentati del 25% rispetto al primo semestre dello scorso anno, grazie ad u secondo trimestre che ha registrato una raccolta di 90,6 miliardi di dollari, record negli ultimi 5 anni. Obbligazionario, azionario europeo e giapponese, esposizioni allargate all’azionario (globali e globali ex-USA) sono stati i principali temi di investimento del primo semestre, mentre si segnala un miglioramento dei flussi sull’azionario statunitense e mercati emergenti dopo un avvio d’anno lento.


La raccolta azionaria globale a giugno, pari a 36,8 miliardi di dollari, segna il miglior mese dell'anno per l’asset class, trainata dai fondi che consentono un’esposizione agli Stati Uniti, all’Europa e ai mercati emergenti. Tra i fondi sui singoli Paesi si distinguono Italia e Spagna, con una raccolta complessiva di 0,7 miliardi di dollari e pari a 4,3 miliardi di dollari da inizio anno.
Rallentamento per gli ETP obbligazionari a livello globale a quota 0,4 miliardi di dollari, dato che gli investitori hanno anticipato un innalzamento dei tassi nonostante la politica della Fed sia ancora accomodante; in particolare, si segnalano deflussi dei titoli governativi che compensano la raccolta positiva per i titoli di debito dei mercati emergenti e statunitensi con approccio ampio e/o aggregato.
Ursula Marchioni, Responsabile della Ricerca ETP e della strategia azionaria di iShares a livello EMEA, ha commentato:

“Per quel che riguarda gli ETP domiciliati in Europa, la raccolta a giugno è stata di 6,7 miliardi di dollari trainata dalle manovre di allentamento monetaria della BCE e dall'ampia ripresa della domanda degli investitori in Europa. Si registrano quindi 12 mesi consecutivi di flussi netti positivi in Europa".

Sull’andamento del mercato italiano, così commenta Emanuele Bellingeri, Responsabile per l’Italia di iShares:

“A giugno il mercato italiano degli ETF ha registrato nuovamente flussi molto positivi che si sono concentrati sull’azionario dei paesi europei, tra cui spicca quello italiano, e in misura minore su quello degli Stati Uniti. A livello obbligazionario i governativi sono quelli che hanno ottenuto maggiore interesse. Il primo semestre dell’anno si chiude con flussi record confermandosi il miglior primo semestre di sempre per l’Italia. Da segnalare una raccolta importante sia a livello obbligazionario (sia governativo che corporate) che azionario in particolare sui paesi emergenti che sono tornati ad essere privilegiati da parte degli investitori”.