Semestre positivo per il risparmio gestito

Stampa

altIl risparmio gestito non subisce la crisi. La raccolta netta del primo semestre del 2014 si è attestata a 62,6 miliardi di euro, con 1.460 miliardi di patrimonio.

I risparmiatori italiani, dunque, continuano ad accordare fiducia all’industria dell’asset management del nostro Paese.

Nel solo mese di giugno il saldo è stato di 13,8 miliardi di euro, il doppio rispetto al mese precedente quando i gestori avevano incassato solo 7,1 miliardi.

Secondo i dati diffusi da Assogestioni al 30 giugno gli asset investiti in gestioni collettive erano pari a 664 miliardi di euro.

I fondi aperti hanno raccolto 18,2 miliardi nell’ultimo trimestre. A performare meglio sono stati i prodotti Flessibili, con 11,1 miliardi, gli Obbligazionari con 4,7 miliardi e i Bilanciati con 2,6 miliardi.

Il bilancio mensile è stato positivo anche per gli azionari che hanno raccolto 690 milioni.

Buoni risultati soprattutto per i prodotti italiani che hanno incassato a giugno ben 3,8 miliardi, superando gli esteri che ne hanno incassati 3,4 pur continuando a gestire la parte più grande degli investimenti in fondi comuni: il 69,7% dei 620 miliardi investiti in totale.

E’ facile intuire, leggendo questi numeri, che i risparmiatori non abbandonano la prudenza quando si tratta di scelte di portafoglio e tendono a scegliere i prodotti meno esposti alle fluttuazioni del mercato azionario.