BANNER LUCANO SAM

 

Redazione, 8 aprile 2021.

Bloomberg riferisce che "Gli Stati Uniti hanno inviato una proposta ai quasi 140 paesi

che partecipano ai colloqui dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico sulla tassazione digitale e sui prelievi minimi globali, un'offerta che potrebbe aiutare a spostare i negoziati precedentemente bloccati verso il consenso."

L'idea è quella di legare i prelievi fiscali alle entrate a livello locale e legati a tutte le imprese. Non solo a quelle digitali.

La Francia pare già essere favorevole. 

La prima reazione degli stati chiamati all'appello era stata quella di limitare l'applicazione del nuovo provvedimento ai big della tecnologia quali Alphabet Inc., Google, Facebook, Amazon.
 
Le aziende dei 37 paesi dell'OCSE potrebbero avere un cumulo di tasse superiore all'attuale. 
 
Sul tavolo del confronto due aspetti:
 
  1. quale paese ha il diritto di tassare i profitti aziendali?
  2. quale imposta minima globale?

Joe Biden ha già proposto una tassa minima globale del 21%.

Le aziende cercano di scudarsi sostenendo che l'ipotesi potrebbe esporli al rischio di tassazioni sovrapposte e al problema della nuova giungla fiscale.

 

Ovvio.

Pin It

Commenti offerti da CComment