Redazione, 7 maggio 2021

Il rapporto debito pubblico/PIL,

in Francia, secondo gli osservatori londinesi, pare dirigersi verso il 117,8% in questo anno.

Nè in Francia, nè fuori, questo dato crea scandalo o fa notizia.

Goldman Sachs afferma che questo stato si conserverà fino al 2024 e per ciò che riguarda il passato, la politica fiscale  della Francia non si è particolarmente curata del contenimento del debito.

Nel tempo, la Francia ha cercato di contenere il suo debito fallendo i suoi obiettivi a causa della pandemia e, secondo Sarah Carlson (Moody's), non si è, comunque, osservato il calo sperato neanche negli ultimi decenni.

 

Nel 2010, il rapporto era all'85%, già oltre la soglia gradita all'UE al 60%.

Anche la Francia accusa un deficit di bilancio primario al quale si somma la lentezza della crescita economica.

Intanto, la Francia si mobilita per le nuove presidenziali 2022.

In prospettiva, da qui a tre anni, l'aspettativa è che il debito francese si porti al 116%, il debito italiano al 151%, mentre la Germania super favorita, al 68% dall'attuale 71%.

 

 

 

 

 

Pin It

Commenti offerti da CComment