Stampa
Categoria: DAL MONDO
Visite: 102

Redazione, 7 luglio 2021.

Avevamo già scritto della carenza di chip, a livello globale.

Lunedì, alla CNBC, Tom Tugendhat, leader del China Research Group del governo britannico e presidente del Foreign Affairs Select Committee, ha dichiarato di essere molto sorpreso che, l’acquisto della NWF da parte della cinese WT, non sia stato rivisto ai sensi del National Security and Investment Act, introdotto ad aprile ha aggiunto 

“Essendo stato in contatto con partner negli Stati Uniti e in tutto il mondo, so di non essere solo”

“Il settore dell’industria dei semiconduttori rientra nell’ambito della legislazione, il cui scopo è proteggere le società tecnologiche della nazione dalle acquisizioni straniere quando esiste un rischio materiale per la sicurezza economica e nazionale”

“Quando il Regno Unito ha firmato il comunicato Carbis Bay G7, ci siamo impegnati ad adottare misure per costruire la resilienza economica nelle catene di approvvigionamento globali critiche, come i semiconduttori. 

Questo sembra essere un capovolgimento immediato e molto pubblico di tale impegno”.

La Newport Wafer Fab ha la sua sede nel Galles meridionale, occupa 400 persone e produce circa 8000 wafer ogni settimana.

Pezzi di silicio su cui sono stampati i modelli per costruire i chip di cui c'è carenza a livello globale e ne ha un grande bisogno tutta l'industria automobilistica per esempio e la produzione dei computer, dei tablet, dei cellulari, dei missili....

Il timore diffuso tra i politici britannici è per la cessione dell'impianto inglese di produzione di chip avanzati alla Cina. 

Eppure, Wingtech Technology - società cinese con forte partecipazione statale, società proprietaria di  Nexperia (con sede nei Paesi Bassi) pare destinata all'acquisto della Newport Waber Fab per 63 milioni di sterline.

La presenza dello stato cinese nel capitale di WT è stata rilevata da  Datenna, specializzata nell'analisi degli investimenti e delle acquisizioni cinesi.

La Gran Bretagna rischia di perdere un asset strategico, con sorpresa diffusa.