BANNER LUCANO SAM

 

Redazione, 9 settembre 2021.

Tra gli inglesi e i francesi si sta combattendo sul canale della Manica, nello stretto di Dover dove si contano soli 32 km.

Dalla Francia, partono migliaia di immigrati clandestini, a bordo di piccole barche in direzione delle coste inglesi.

Gli inglesi non li accettano e li rimandano indietro consapevoli di infrangere il Diritto Internazionale.

I francesi non gradiscono e replicano facendo leva sul fatto che "la salvaguardia delle vite umane in mare ha la priorità su considerazioni di nazionalità, status e politica migratoria, nel rigoroso rispetto del diritto marittimo internazionale che disciplina la ricerca e il soccorso in mare."

In sintesi, ai francesi fa comodo liberarsi di migliaia di immigrati favorendone o non contrastandone il traghettamento verso l'altra costa e gli inglesi non vogliono accoglierli.

Le posizioni, sulle due sponde, sono opposte e rigide.

La cooperazione tra i due stati rischia di saltare o, comunque, di essere rivista nei suoi dettagli.

Nel 2021, gli attraversamenti del canale hanno raggiunto la cifra record di 13.500 migranti.

Lunedì scorso sono stati 742 e 200 sono stati respinti.

Perchè i migranti vogliono lasciare la Francia del Nord?

Josh Hallam di Help Refugees, che ha lavorato nel nord della Francia, aveva affermato: 

A Grande-Synthe ci sono per lo più persone curde che provengono dall’Iraq e Iran e piccoli gruppi di pakistani e sudanesi. A Calais sono maggiormente iracheni, iraniani, etiopi, eritrei, afghani e sudanesi".

 

Hallam, che ha anche lavorato con dei migranti, ha aggiunto che le condizioni nel Nord della Francia sono tra le peggiori che lui abbia mai visto.

La Polizia fa regolarmente irruzioni negli accampamenti, distruggendo tendoni, sbarazzandosi degli effetti personali delle persone e perfino spruzzando peperoncino con l’obiettivo di disperdere famiglie e minori non accompagnati.

Da dove arrivano i migranti che dalla Francia cercano di raggiungere l'UK?

Sempre secondo Hallam:

A Grande-Synthe ci sono per lo più persone curde che provengono dall’Iraq e Iran e piccoli gruppi di pakistani e sudanesi. A Calais sono maggiormente iracheni, iraniani, etiopi, eritrei, afghani e sudanesi".

Alla luce di queste informazioni le ragioni umanitarie offerte, dalla Francia all'UK, sono poco convincenti.

Pur di risolvere, l'UK ha offerto alla Francia un suo aereo per monitorare le coste e impedire ai trafficanti di imbarcare i clandestini.

Anche questa offerta è stata respinta dalla Francia che, evidentemente, ha l' interesse opposto...

 

 

 

Pin It

Commenti offerti da CComment