Milano, 14 ottobre 2021. Di Fabrizio Brasili, Esperto di Scenari e Mercati Finanziari.

Ed alla fine, ha prevalso la logica commerciale e la buona gestione  della Regione Sardegna e del suo presidente Solinas,
aggiudicandosi dal 15 Ottobre al 14 Maggio 2022, la continuità territoriale da e per la Sardegna, con Volotea.
 
Lo avevamo preannunciato, soprattutto per ITA le mancanze normative, la mancanza di personale e...importantissimo...la mancanza di aerei, ancora in uso da Alitalia, (ed il sottoscritto, personalmente ne sa qualcosa), circa i guai che sta producendo ancora Alitalia, a far propendere la scelta appunto, sulla compagnia spagnola Volotea.
 
Quest' ultima poteva e può fare valere la propria presenza sugli scali sardi fin dal 2012, relativo personale addestrato e una flotta adeguata, anche se, come lamentano i sindacati , c'è da vedere come saranno le frequenze e gi orari da e per Cagliari, Olbia ed Alghero con Roma e Milano.
 
Intanto i prezzi sono perfino più bassi, per i residenti e  nati in Sardegna, di quelli applicati dall' Alitalia (da 39 a 47 euro tasse escluse).
 
Ed il risparmio per la Regione di ben 12 milioni per detto periodo, contro 3 dell' asta precedente. dando così un buon segnale ed oltretutto molto forte ai viaggiatori, alla Regione Sardegna ed allo stato italiano e sua compagnia di bandiera, futura ( ITA).
 
I ribassi in asta, sono stati ancora più bassi ed incisivi rispetto alla neonata ITA, fino ad un -42% su Cagliari, puntando tutto sul accordo di continuità territoriale vero e proprio di due ulteriori anni dal 15 Maggio 2022 al 15 Maggio 2024.
 
Qui si verificherà la vera battaglia fra Volotea ed ITA, quando quest' ultima sarà veramente pronta a volare, anche con il vecchio logo Alitalia ( che intanto è costato un miliardo)
 
Questa volta i Sardi e non solo... ringraziano!
Pin It

Commenti offerti da CComment

BANNER LUCANO SAM