BANNER LUCANO SAM


La Spagna sarà al centro dell’attenzione dei mercati non solo perché a Barcellona ospiterà la riunione mensile del consiglio della BCE per la decisione sui tassi, ma anche per la prima asta dei bond dopo il downgrade di due gradi dall’agenzia di rating Standard and Poor’s la scorsa settimana.

I dati economici questa settimana hanno dato un quadro preoccupante di un’economia colpita dall’austerità, dalla crescente disoccupazione e dai crediti in sofferenza mentre il Paese va verso la recessione. Anche la Francia oggi collocherà bond in quella che potrebbe essere l’ultima asta con il Presidente Sarkozy, prima del voto nel weekend. Le dichiarazioni di Draghi, Presidente della BCE, su un possibile patto per la crescita (“growth compact”) hanno fatto pensare, probabilmente a torto, che la BCE potrebbe dare indicazioni su un altro intervento LTRO, ma è più verosimile che Draghi rivedrà al ribasso le previsioni di crescita della BCE e darà altri dettagli sull’effetto delle precedenti operazioni di finanziamento. In Gran Bretagna in agenda l’indice PMI dei servizi, mentre negli Usa i dati deludenti sull’occupazione non agricola ADP di ieri hanno risvegliato i timori sull’andamento del mercato del lavoro. Oggi le richieste dei sussidi di disoccupazione dovrebbero rimanere intorno a 380.000, sotto la soglia psicologica di 400.000. EuroDollaro: l’euro resta bloccato alla linea di resistenza a 1,3285, mentre il supporto inferiore è a 1,3050. DollaroYen: la mancata tenuta ieri sopra 80,45 mantiene il rischio verso la discesa, ma comunque al di sopra dei minimi intorno a 79,70 c’è la possibilità che il dollaro si stabilizzi.

A cura di Cmc Markets

Pin It

Commenti offerti da CComment