OCC 1

 

 

Di Mario Lettieri (già Sottosegreteraio all'Economia) e Paolo Raimondi (Economista)

Molti negli Usa si riferiscono all’amministrazione Trump con l’appellativo “Government Sachs” in quanto ha imbarcato un numero impressionante di personaggi che, in vario modo, hanno lavorato o collaborato con Goldman Sachs, la più chiacchierata banca d’affari americana. 

Dall’esplosione della crisi globale la banca ha scalato molte posizioni nella lista delle banche americane più esposte in derivati finanziari over the counter fino a conquistare la terza posizione con oltre 45,5 trilioni di dollari di valore nozionale.

Rispetto alle prime due, la Citigroup e la JP Morgan Chase, c’è una “piccola” differenza. Essa vanta il peggiore rapporto in assoluto tra il valore dei derivati e gli asset (gli attivi), che sono soltanto 880 miliardi di dollari. Il che significa che per ogni dollaro di asset, la GS ha quasi 52 dollari di derivati, mentre  la Citigroup ne ha 28,5 e la JPMorgan 20. Per cui, se queste due ultime non navigano in mari tranquilli, per la GS il mare rischia di essere sempre in burrasca. 

Sono dati significativi quanto preoccupanti tanto che anche l’Office of the Comptroller of the Currency (OCC), l’agenzia di controllo delle banche americane, a fine settembre 2016 ha affermato che il rapporto tra l’esposizione dei crediti e il capitale di base (credit exposure to risk-based capital) era del 433% per Goldman Sachs, rispetto al 216% della JP Morgan e al 68% della Bank of America.  

Sempre secondo il citato rapporto, sei anni dopo l’entrata in vigore della riforma finanziaria Dodd-Frank, che obbligava le banche a sottoscrivere tutti i contratti derivati attraverso piattaforme regolamentate, la GS mantiene ancora il 76% dei suoi derivati in otc non regolamentati. Si tratta della percentuale più alta tra tutte le banche quotate a Wall Street.

Come è noto l’opacità dei derivati otc ha giocato un ruolo determinante nella crisi finanziaria, in quanto le banche in quel periodo avevano in gran parte sospeso di farsi credito reciprocamente sospettando buchi nascosti. Di conseguenza le stesse hanno cercato di garantirsi contro eventuali crolli accendendo polizze presso le grandi assicurazioni, in particolare con il gigante AIG. 

Solo di recente è diventato noto che circa la metà dei 185 miliardi di dollari versati dal governo americano per salvare la citata AIG è andata a beneficio delle grandi banche “too big to fail”.  Infatti la GS ne avrebbe ricevuti ben 12,9 miliardi. 

Crediamo non debba sorprendere il fatto che la GS sia sempre stata al centro delle grandi indagini per far emergere i responsabili della crisi globale, né tanto meno il conoscere che la banca sia stata in prima fila nel tentativo di bloccare tutte le riforme del sistema bancario e finanziario americano. 

E’ sorprendente, invece, che il presidente Trump continui a reclutare molti dei suoi uomini tra gli ex leader della GS. Da ultimo il suo team economico si è “arricchito” con l’arrivo di Dina Power, presidente della Fondazione della Goldman Sachs.  Ma la nomina più provocatoria indubbiamente è quella di Jay Clayton a capo della Security Exchange Commission (SEC), l’agenzia governativa preposta al controllo della borsa valori, l’equivalente della nostra Consob. Clayton è un importante avvocato che ha lavorato per la GS, cosa che la di lui moglie fa ancora. 

Si tratta della stessa SEC che ha multato più volte Goldman Sachs per operazioni illegali di vario tipo: nel 2010 una multa di 550 milioni di dollari per operazioni fraudolente con titoli tossici immobiliari subprime e un’altra di 11 milioni  nel 2012 perché alcuni suoi analisti avevano segretamente favorito dei clienti ben selezionati.

Anche la Federal Reserve nell’agosto 2016  le ha inflitto una sanzione di 36,3 milioni di dollari per aver usato informazioni confidenziali risultanti da operazioni di controllo fatte dalla stessa Fed. Per non dire della condanna a pagare 120 milioni per manipolazioni fatte sui tassi di interesse comminata nel dicembre dell’anno scorso dalla  Commodity Futures Trading Commission (CFTC), l’agenzia che ha il compito di controllare le borse delle merci e delle relative operazioni in derivati finanziari.

Non è un caso, quindi, che nelle settimane passate alcuni senatori americani abbiano chiesto alla Goldman Sachs di  rendere pubbliche le sue attività di lobby contro la legge di riforma Dodd-Frank e di conoscere l’ammontare dei profitti risultanti dalla sua cancellazione. Si ricordi che tra i primi provvedimenti del presidente Trump c’è stata l’abrogazione della citata legge.

Evidentemente, purtroppo, il presidente americano ha dimenticato quando da lui stesso detto qualche settimana fa: “Per troppo tempo, un piccolo gruppo nella capitale della nostra nazione ha raccolto i compensi governativi, mentre la gente ne ha sostenuto le spese. Washington ha prosperato, tuttavia il popolo non ha condiviso la sua ricchezza”. E’ il classico esempio di quanta distanza a volte c’è tra il dire e il fare.  

 

Pin It
Commenta (0 Commenti)

Di Guido Colomba
Obama ha ottenuto al G7 un risultato decisivo costringendo Angela Merkel ad abbracciare due opzioni: (1) il salvataggio dell'euro è legato al proseguimento delle sanzioni alla Russia per la vicenda ucraina; (2) l'austerity di Berlino è giunta al capolinea tanto da necessitare un nuovo policy-making con una vera gestione bancaria unificata (con la supervisione del Parlamento europeo) e politiche fiscali coordinate come ha già richiesto Mario Draghi, presidente della Bce. Con il codicillo di evitare, dopo quattro mesi di inutili discussioni, l'uscita della Grecia dall'euro chiamata a fare "scelte difficili". Quale influenza avrà tutto ciò sulla politica estera italiana (del tutto marginalizzata in occasione del G7)? La cosa più atipica è il comportamento della classe politica che, in barba alla geopolitica, sembra vivere un mondo del tutto a parte. Mentre Papa Francesco ricorda una volta di più che "il mondo vive un clima di guerra", il dibattito politico interno è purtroppo dominato da due argomenti: gli sbarchi dei migranti e la corruzione interna che riguarda anche la gestione stessa dei rifugiati. Questi ultimi per ottenere tale riconoscimento debbono aspettare in media più di dieci mesi, generando costi di gestione giganteschi che talora alimentano la corruzione. Il voto delle regionali va letto in questi termini. Un effetto di saturazione e disgusto (crescente astensionismo). Fa impressione vedere in questi giorni, gruppi di giovani eritrei, ospitati in alberghi di piccoli paesi dell'entroterra siculo e costretti a non far nulla di nulla. Non c'è dialogo operativo tra il ministero degli Interni e gli enti locali tanto da far scrivere a Sergio Rizzo (re:Corriere della Sera 8/6/15) che "la crisi delle regioni é profonda e per certi versi irreversibile". La riforma costituzionale, sottolinea Rizzo, così come è stata proposta non risolve questo problema che è alla base del crescente deficit pubblico (superiore ai 2184 miliardi di euro) e della conseguente abnorme pressione fiscale (tax rate effettiva). In questi anni di crisi economica prolungata è emerso ancora di più il fallimento del decentramento regionale caratterizzato dalla finanza allegra e la totale assenza di controlli credibili che hanno coinvolto le massime istituzioni. Sta di fatto che al G7, come ai precedenti vertici europei, nonostante gli apprezzati sforzi per controllare la finanza pubblica, si è via via affievolita la voce dell'Italia. Ne fa fede la mancata soluzione della "bad bank" tuttora respinta dalla burocrazia della Commissione europea perchè sospettata di nascondere i proibiti "aiuti di Stato". Questa situazione condiziona il successo in Italia del "quantitative easing"varato nel marzo scorso dalla Bce. All'economia reale è finora affluita ben poca liquidità proprio perchè i 190 miliardi di "bad loans" paralizzano le banche italiane specie con l'imminente arrivo di nuovi regolamenti creditizi ancora più severi. Eppure, per sapere lo stato patrimoniale di una banca, è sufficiente fare il rapporto tra i crediti lordi deteriorati e la somma del patrimonio tangibile e di quello accantonato. Un argomento che il governatore della Banca d'Italia, Visco, avrebbe dovuto approfondire specie alla luce delle reiterate dichiarazioni, dopo il crack di Lehman Brothers, sulla "solidità" delle banche italiane. Chi paga per la miopia di politica economica fatta da queste "prestigiose istituzioni"? Di pari passo continua la scellerata discussione tra gli economisti sulla presunta insufficiente "dimensione" delle aziende italiane. Ne ha fatto cenno il governatore Visco dimenticando che in un mondo di start up, di venture capital e crowd funding, sono proprio le piccole e medie aziende a garantire il 78% delle esportazioni che collocano l'Italia tra i primi dieci paesi nel mondo e al secondo posto in Europa. (Guido Colomba, editor, copyright 2015, edizione italiana) 
 

Pin It
Commenta (0 Commenti)

C'è una svolta geopolitica di cui si  parla poco. Riguarda il Mediterraneo, di nuovo al centro di interessi globali e contrastanti. Vi sono forze che vogliono impedire il consolidarsi di un'Europa, alleata degli Stati Uniti, che sta acquisendo la membership dei paesi balcanici (da oggi la Croazia è il ventottesimo paese membro, poi verrà il turno della Serbia).

Pin It

Commenta (0 Commenti)

GIAPPONELa giusta strategia? Rialzisti sull’azionario e ribassisti sullo yen 

Macro Alert WisdomTree Europe

-  Il ricorso al debito come fonte di finanziamento da parte delle aziende nipponiche sembra avere intrapreso un solido percorso di ripresa dal 2012 in avanti. Con un’accelerazione al 2% del PIL, l’indebitamento aziendale segnala una marcata inversione di rotta rispetto agli anni precedenti, in cui l’attenzione delle imprese sembrava concentrarsi soprattutto sulla riduzione della leva.


-  Le crescenti esigenze di finanziamento delle società nipponiche rappresentano una forza emergente nell’economia del Sol Levante per consolidare l’inflazione, poiché il potere di acquisto dei consumatori resta limitato e sensibile alla stretta fiscale del governo.


-  L’indebitamento aziendale sblocca il valore del bilancio a favore degli azionisti, partendo dal presupposto che ciò alimenti le aspettative d’inflazione e scoraggi l’accumulo di liquidità. Ci si aspetta che i ritorni di cassa per gli investitori subiscano un incremento sotto forma di dividendi. Anche i tassi d’interesse reali negativi dovrebbero incentivare il ricorso al debito come fonte di finanziamento e ottimizzare la struttura del capitale delle imprese.


-  E’ possibile che lo yen resti debole, nel caso in cui il rafforzamento dell’inflazione trainata dalla domanda interna dovesse protrarsi ben dopo la fine del programma di allentamento quantitativo (QE) della Banca del Giappone (BOJ) e il successivo calo dei tassi d’interesse reali. Anche la minaccia di un prossimo irrigidimento della politica monetaria da parte della Federal Reserve (Fed) dovrebbe sostenere la pressione sullo yen contro il dollaro USA.


- La volontà delle aziende di ricorrere al credito per investire sta offrendo solide basi all’azionario del Paese del Sol Levante. Si tratta inoltre di un fattore che incoraggia l’inflazione, così che il potenziale deprezzamento dello yen potrebbe indurre gli investitori esteri a coprire le posizioni in valuta al momento d’investire nei titoli azionari nipponici

Pin It
Commenta (0 Commenti)

Dopo il panico scatenato sui mercati dalle affermazioni del presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, sull'imminente ridimensionamento del piano di stimoli che ha finora sostenuto i mercati azionari, alcuni alti ufficiali della banca centrale Usa hanno tentato di rassicurare gli investitori con dichiarazioni dal tono piu' conciliante.

Pin It

Commenta (0 Commenti)

Le recenti stime della Banca dei Regolamenti Internazionali ci dicono che dal 2007 al 2012 il debito aggregato globale, comprendente non solo quello del settore pubblico degli Stati ma anche quello delle famiglie e delle imprese non finanziarie, è cresciuto del 20% in rapporto al Pil, cioè di ben 33  trilioni di dollari!

Pin It

Commenta (0 Commenti)
E' nata a Chicago il 26 ottobre , 1947. Oltre ad essere stata la potente first lady durante gli otto anni della Presidenza del marito Bill e dopo essere riuscita a sopravvivere allo scandalo Lewinsky, il tenace avvocato Hillary Clinton ha servito come senatore a New York dal 2001 al 2009 e come 67mo Segretario di Stato nell'amministtrazione Obama. 
Pin It

Commenta (0 Commenti)

Riportiamo i principali risultati emersi dall'indagine M&G YouGov inflatione expectations survey;

Il campione: L’indagine valuta le opinioni dei consumatori di Italia, Austria, Francia, Germania, Hong Kong, Regno Unito, Singapore, Spagna e Svizzera ed è la prima del genere a coinvolgere un campione così  ampio in Europa e Asia sulle aspettative legate all’inflazione. In Italia l’indagine ha interessato una base di 1002 rispondenti distribuiti su tutto il territorio nazionale. Tutte le indagini sono state condotte on-line e i dati sono stati ponderati in modo da essere rappresentativi di ogni popolazione:

  1. In Italia e nella maggior parte dei paesi europei, ci si aspetta che l’inflazione si manterrà costantemente al di sopra degli obiettivi delle banche centrali
  2. I consumatori italiani hanno scarsa fiducia nell’eventualità che l’inflazione in Italia scenda al di sotto degli attuali livelli nel breve e medio termine
  3. I consumatori non hanno fiducia nelle misure economiche adottate dai propri governi

Di seguito per completezza di informazioni l'interessante report completo:

Pin It

Commenta (0 Commenti)

La banca centrale cinese interviene per allentare i timori di un credit crunch in Cina e rassicura i mercati, assicurando che il livello della liquidita' e' "ragionevole.

Pin It

Commenta (0 Commenti)