Milano, 13 maggio 2015. FinecoBank, banca diretta multicanale del Gruppo UniCredit, sarà presente anche quest’anno all’Investment & Trading Forum in programma a Rimini il 21 e 22 maggio.

Fineco sarà presente con un ampio corner all’interno dello spazio espositivo nel quale saranno disponibili per i visitatori le demo di tutti i servizi, e nell’Advisory Village, il luogo di incontro esclusivo dove i Promotori Finanziari si daranno appuntamento per discutere dei temi legati alla professione del consulente e al mondo del risparmio gestito.
Molte le novità che Fineco annuncerà quest’anno all’IT Forum, tra cui:
 Novità Logos: Fineco arricchisce la propria offerta con Logos Time (opzioni binarie). Oltre alla modalità Logos classica che permette di investire a zero commissioni su CFD azioni, indici, valute e materie prime, è ora possibile investire su intervalli di tempo predefiniti, da 1 minuto fino all’intera giornata. Con Logos Time infatti si sceglie la direzione del sottostante in un determinato intervallo temporale per guadagnare l’80% dell’importo investito.
 Screener: grazie al nuovo motore di ricerca azioni, è possibile incrociare variabili quali borsa, settore, indicatori di analisi fondamentale, analisi tecnica e di performance per ottenere i risultati desiderati. Inoltre con la vista mappa è più agevole individuare le società più interessanti. Infine le search ideas grazie alle quali è possibile lanciare delle ricerche senza la necessità di impostare alcun filtro.
 CFD su Commodities: Ia famiglia dei CFD cresce ancora con l’aggiunta delle principali commodities che si vanno ad aggiungere a CFD su Indici, azioni USA e UK, valute e obbligazioni.
 Nuove app iPhone e Android: le principali novità riguardanti il trading sono l’introduzione del portafoglio di sintesi con tutti gli investimenti in unica schermata e valorizzati in euro e la possibilità di avere fino a tre liste trading per monitorare l’andamento dei titoli preferiti. Per iPhone è stata inoltre facilitato l’accesso all’app con Login Touch ID anziché digitando le credenziali.
Fineco conferma inoltre il suo impegno verso l’attività di formazione, con un intenso programma di corsi e seminari presentati da specialisti Fineco e Trader di professione che si terranno durante tutta la manifestazione all’interno dello stand dalle 9:00 alle 18:00
I temi spazieranno dal Live trading all’utilizzo delle piattaforme Powerdesk e Logos, fino all’approfondimento di singoli prodotti quali Indici, Forex, Futures e CFDs.
In particolare nella giornata di Venerdì alle 10:45 nella Sala del Porto è previsto un Workshop di approfondimento riguardo al Live Trading su indici.
Verrà presentata inoltre una promozione dedicata a chi vuole aprire un conto Fineco: oltre al conto completamente gratuito, i nuovi clienti potranno operare da subito con commissioni estremamente vantaggiose.
I nuovi clienti avranno così lo stesso piano commissionale che hanno i trader professionali più attivi, con la possibilità di usare gratuitamente PowerDesk, usufruendo di tutti gli strumenti di cui un trader potrebbe disporre in una sala operativa.
Infine, tutti i visitatori che lasceranno i propri dati allo stand Fineco parteciperanno all’estrazione di un iPhone 6.
FinecoBank
FinecoBank è la banca diretta multicanale del gruppo UniCredit, una delle maggiori reti di consulenza in Italia con 2.571 Personal Financial Advisor, broker n.1 in Italia per volumi intermediati sul mercato azionario, con 988.000 clienti, €1,6 miliardi di raccolta netta al 31 marzo 2015 e €53,7 miliardi di Total Financial Asset. FinecoBank propone un modello di business integrato tra banca diretta e rete di promotori. Un unico conto gratuito con tutti i servizi, di banking, credit, trading e di investimento, disponibili anche su dispositivi mobile, quali application per smartphone e tablet. Con la sua piattaforma completamente integrata, FinecoBank è player di riferimento per gli investitori moderni.

Pin It
Commenta (0 Commenti)

E' stato presentato, ieri a Milano, al Palazzo delle Stelline, il RAPPORTO PEM PRIVATE EQUITY MONITOR - ITALIA 2014

Il PEM giunge così alla sua quattordicesima pubblicazione. Dopo anni di alti e bassi, il 2014 segna un significativo incremento dell'attività di investimento, che torna ad attestarsi, nella sostanza, sui livelli precedenti alla crisi. Nel corso dell'anno, infatti, il livello di attività si è mostrato particolarmente intenso ed omogeneo ed il numero di operazioni concluse, 89, lo dimostra. I buy out si confermano, come lo scorso anno, le operazioni a cui gli investitori hanno fatto più ricorso, a discapito delle operazioni di minoranza. Lo studio è il frutto di un lavoro di ricerca che nel corso degli anni ha portato alla costruzione di un database ormai costituito da oltre 1.300 operazioni di investimento realizzate a partire dall'anno 1998 e disponibile sul sito della LIUC previo apposito abbonamento. L'obiettivo del rapporto è quello di fornire una serie strutturata di informazioni riguardanti le caratteristiche dei deal, degli operatori coinvolti e delle aziende target, attraverso l'uso esclusivo di informazioni pubbliche reperibili presso archivi di giornali e riviste specializzate, pubblicazioni di settore, siti internet, banche dati accessibili al pubblico, newsletter, presentazioni a convegni, nonchè la collaborazione volontaria e diretta da parte degli operatori, nel pieno rispetto dei diritti di privacy degli stessi e delle aziende target.

In Europa, nel 2014, nvestiti 41 mld di euro in 5500 aziende. Il 40% dei soldi impiegati sono raccolti fuori dall'Europa. Un terzo dei capitali proviene dai fondi pensione. Il 2014 è l'anno della ripresa ed infatti le operazioni effettuate registrano un corposo + 41% rispetto al 2013. in Italia, la leadership è della Regione Lombardia che tuttavia  perde quota con il 39% del 2014 contro il  45%n del 2013.  Seguono, con dignità, l'Emilia Romagna ed  il Veneto: Torna il Piemonte con una operazione. Il Mezzogiorno è scarso con sole 3 operazioni. Trionfa il settore manifatturiero che risulta privilegiato, storicamente. Come asset gradito per gli investitori stranieri si conferma l'azienda familiare Italiana.

 

Pin It
Commenta (0 Commenti)